Conoscere Tramonti di Campiglia
 
I Prodotti Tipici
 
Il “Vino Rinforsà”

Da secoli nel territorio di Tramonti di Campiglia, come nelle vicine Cinque Terre, l’uomo agricoltore ha coltivato la vite tramite la tecnica dei terrazzamenti. Ogni angolo, anche il più impervio, era un tempo sfruttato. A partire dalla seconda metà del 900 è iniziato il progressivo abbandono della tradizionale attività agricola e ad oggi sono ormai rimasti pochi i superstiti contadini che ancora, contro

ogni avversità producono i pregiati vini della zona. In particolare nella fasce più vicine al mare , dove cresce la qualità di uva più pregiata, viene ancora prodotta una piccola quantià del pregiato vino passito localmente denominato.
 

Le Nuove Colture: Zafferano, Fichi d'India, Sale Marino

Con lo scopo di recuperare i terrazzamenti ormai abbandonati sul versante mare sono state introdotte, da parte dell'Associazione Campiglia, una serie di coltivazioni che pur risultando nuove rispetto alla tradizione agricola di Campiglia, sono risultate perfettamente compatibili con le caratteristiche ambientali del luogo. Il terreno drenante ed il micro clima presente nelle fasce più vicine al mare sono risultate condizioni ideali per il successo delle nuove colture di Tramonti.
 

Lo Zafferano Purissimo di Tramonti di Campiglia è ricavato dall’essiccazione dei pistilli presenti nel fiore del Crocus Sativus. Per produrre un 1gr. di tale spezia sono necessari ben 150 fiori. Ciò spiega il costo elevato del prodotto, fortunatamente è sufficiente un pizzico di zafferano per conferire sapore e colore alle pietanze, grazie al suo profumo ed al suo gusto inebriante.

 

Le marmellate e conserve sono ottenute dai frutti delle piante di Fichi d’India che nella fascia più bassa (sotto i 200 m.), giungono a maturazione nei mesi di luglio/agosto. Dato che proprio i terrazzamenti più vicini al mare sono quelli che hanno subito un degrado più rapido e rovinoso, il successo di questa iniziativa si potrà rivelare particolarmente efficace per il recupero di questa zona del territorio di Tramonti.

 

Il sale marino è ricavato utilizzando le erbe aromatiche (elicriso, isoppo, timo, origano) che crescono spontanee sul versante mare unitamente ad una piccola quantità di sale marino integrale macinato e di un'alga salutare essicata si ottiene un condimento con ottime proprietà terapeutiche. La piccola quantità di sale lo rende particolarmente adatto a chi non può, per ragioni di salute, far uso di grandi quantità di tale ingrediente.

 

I prodotti sono acquistabili direttamente sul luogo presso lo Spaccio alimentari situato nella piazzetta del paese di Campiglia o presso la Locanda Tramonti. E’ inoltre possibile gustare ottime ricette cucinate con tali ingredienti e la produzione di vino locale presso il  Ristorante La Lampara.

 
 

Gli Itinerari

 
La Rete dei Sentieri

Campiglia costituisce un importante crocevia di sentieri  ed è attraversata dalle principali vie escursionistiche della Riviera spezzina: il sentiero 1 CAI che collega, con un percorso interamente in quota Portovene a Levanto e l’Alta Via del Golfo (AVG). Il paese costituisce uno dei pochi punti di accesso in quota permettendo, con agevoli  percorsi che scendono verso il mare, di raggiungere, verso sud il paese di Portovenere (1h e ½) e le Cinque

Terre se si imbocca il sentiero 4b sul lato opposto (si arriva a Riomaggiore in circa 2h). A completare la viabilità esistono gli importanti sentieri longitudinali sul versante del mare, quali la “via Comunale Tramonti”, corrispondente alla scalinata per il Persico. Sul versante opposto, verso il Golfo della Spezia, i principali collegamenti sono costituiti dalla comunale che scende all’Acquasanta e l’antica via per Coregna anch’essa da poco riaperta grazie all’Associazione Campiglia. E’ inoltre possibile compiere dei percorsi circolari mantenendosi in quota, avendo come punto di arrivo e partenza il borgo di Campiglia.
 

Visite alle Coltivazioni

Nel mese di settembre, nei terrazzamenti più vicini al mare, giungono a maturazione i fichi d’India da cui si ricavano marmellata ed inizia la tradizionale vendemmia.Durante i mesi di ottobre e novembre è possibile ammirare la spettacolare fioritura dello zafferano con i caratteristici tre pistilli color rosso scuro. Si può inoltre assistere e partecipare alla fase di raccolta e pulitura dei fiori comprendendo in che modo viene ricavata tale affascinante spezia.
 

Per l’organizzazione di escursioni guidate sul territorio contattare:
email:info@associazionecampiglia.it
cell: 335 6961145

 
 
Whale and Bird Watching

La Locanda Tramonti costituisce un punto ideale di osservazioni difatti dalle sue finestre balconi, da una quota di circa 400 metri, è possibile osservare il mare aperto.
La costa di Tramonti di Campiglia costiuisce, per la sua particolare posizione, un punto ideale per l’osservazione di varie specie durante le loro rotte migratrici. In primavera è possibile osservare il ripasso verso i siti di nidificazione di varie specie tra cui anatidi, rapaci, limicoli,ecc. In autunno i transito si fa più lento e l’avifuana si dirige verso il sud per svernare. Interessanti sono anche le specie rare specie nidificanti quali: il falco pellegrino ed il corvo imperiale.
Il bacino Corso-Liguro-Provenzale, attuale area del Santuario Internazionale dei Cetacei del Mar Ligure mostra la più alta concentrazione di cetacei tra tutti i mari italiani e probabilmente rappresenta l’area faunisticamente più ricca dell’intero Mediterraneo.
E’ quindi possibile osservare  dalle Locanda, in particolare durante le giornate in cui i cetacei non sono disturbate dai natanti,  diverse specie di cetacei tra le queli le più frequenti sono: la Balenottera Comune, la Stenella ed il Tursiope.

 

Per i clienti della Locanda su richiesta può essere messo a disposizione un cannocchiale professionale per le attività di Whale/Bird Watching.

 
© Tutte  le foto/testi rimangono di proprietą dell'Associazione Campiglia